LAVORO

Dopo lunghe conversazioni sul tema Lavoro riporto fedelmente la creatività italiana:

-controllori sui bus e metro, due mesi a rimborso spese e poi con gli ingenti GUADAGNI perchè a Roma molti viaggiano gratis si comincia con le assunzioni;
-permettere agli anziani nei posti pubblici con una riduzione di pochissimo della stipendio di andare in pensione e ringiovaniamo,
-nuovi asili e professionalità scolastiche,
-chi lavora nello stesso luogo settore a parità di livello stesso stipendio,
-si ruota tra i Direttori e Staff ogni 3 anni;
-esperti solo su professionalità non presenti, per le specializzazioni ci si perfeziona,
-via vitalizi,
-riduzione mutuo e spese case come stimolo all’economia con maggiori entrate e meno paura…
-cv di tutti e ovunque
– professionalità valorizzate come i settori:scuola,cultura e turismo.
Interessante no?!

L’Europa sta arrivando….

Credere in ciò che sei….

Difficile se la tua raccomandazione sei TU con i tuoi meriti e competenze, ma inutile ripetersi  andiamo     oltre.

Sta per iniziare in Italia il Semestre di Presidenza , un’occasione di lavoro, di studio d’informazione…usare i social, cercare opportunità….si può , osservando e connettentosi con il virtuale che condivide.

La creatività non è una specialità di pochi, ma un dono che chiunque ha in proporzione al desiderio di migliorare e di crescere. L’Italia si muove se  riparte l’economia e la moneta gira se la gente comincia a crederci…Non lasciamo trascinare in basso il nostro talento, abbiamo una serie di eventi internazionali in questi 2 anno che potrebbero trasformare le nostre vite. Che cerchiamo? Un sereno futuro?…beh cominciamo ad interessarci di start up, sostenibilità, green,innovation , found, project…

Apriamo le menti!

Social e tech?

Sono due parole molto familiari sia in positivo che in negativo.

La società attuale che muta velocemente e affronta periodi di crisi improvvisa non può prescindere dall’uso di tali forme di comunicazione per scorrere nelle vite delle persone.
Così sul lavoro, negli hobby o nelle piccole mansioni quotidiane siamo coinvolti nel vortice di una tecnologia che se non conosciuta può provocare notevoli problemi.
Tanti hanno paura e diffidano di strumenti che isolano, viaggiano nel virtuale e violano la privacy anche con violenza, così scappano e rifiutano l’inevitabile.
Ecco allora che la soluzione è semplice, ognuno secondo le possibilità e il tempo dovrebbe imparare l’uso dei social e del Tech più bizzarro, perché sapere è già dominare.
Si aprirebbe un mondo di iniziative e opportunità che potrebbero agevolare lo sviluppo e il pensiero del singolo come del gruppo.

Così è capitato a me , grazie al desiderio di novità ho scoperto che posso migliorare e gestire le attività inerenti alla mia persona col supporto di contatti virtuali, corsi on line e social positivi.
L’intelligenza sta nel bilanciare con la realtà ciò che non lo è, ma è in grado di fornire quel valore aggiunto che fa la differenza.

Quindi iniziate…e il futuro sarà SMART!

L’Europa e noi

Tanto si critica l’Europa ma pochi sanno cosa sia veramente e quanto influisca nelle nostre vite. Partiamo dal sito ufficiale che illustra un po’ le curiosità che potrebbe avere il cittadino interessato dei Paesi Membri: http://europa.eu.

Vi è una parte dedicata al diritto nella quale si spiega l’origine e l’utilità, altre dedicate al lavoro e alle opportunità di studio.
La mobilitazione ed i finanziamenti sono poi le più cliccate.
Chi conosce la struttura europea riesce a rapportarsi con essa con competenza.
Le critiche delle recenti elezioni sono tutte valide, ma nessuno si è mai preoccupato prima della crisi economica mondiale, di adoperarsi per cambiare lo status quo.
Spesso sottovalutiamo gli eventi o ci facciamo guidare dall’inerzia, quando non tocchiamo direttamente le notizie. Eppure dovrebbe interessare a tutti conoscere l’Unione Europea che stabilisce e decide i criteri di Governo degli Stati che la compongono.
Solo così possiamo proporre scelte diverse e migliorare il futuro, siamo tra i fondatori e se solo qualcuno si preoccupasse di rivalutare il ruolo italiano, diventerebbe una fonte di progresso, innovazione e sviluppo.

Costruire è sempre meglio che distruggere!